FANDOM


La Bestia (Beast), il cui vero nome è principe Adam, è il protagonista maschile della trilogia de La bella e la bestia.

BackgroundModifica

SviluppoModifica

Le prime versioni della Bestia avevano lo scopo di simulare strettamente il personaggio della fiaba originale; originariamente, la Bestia era progettata per essere umile, da gentiluomo, e aveva una personalità generalmente accogliente, con solo un carattere occasionale. Mentre lo sviluppo del film progrediva, i registi sentivano che cambiare questo aspetto avrebbe aiutato ad aggiungere dimensione alla Bestia, ma anche a promuovere la morale principale del film: "La vera bellezza viene dall'interno".

Il design della Bestia ha subito molti cambiamenti durante la produzione del film; all'inizio, la maggior parte degli schizzi iniziali erano poco più degli umanoidi con la testa di un animale attaccato. Desiderando un modello più anticonvenzionale, i cineasti hanno iniziato a confrontarsi con altri progetti unici, tra cui una versione da mantide. Chris Sanders è stato responsabile per l'aiuto nel disegno di base della Bestia. Passò da forme di insetti, forme di uccelli e forme di pesce fino a quando finalmente ottenne il disegno giusto. Glen Keane , l'animatore supervisore della Bestia, ha quindi studiato vari animali per modificare il progetto e basarlo sulle creature della vita reale piuttosto che sugli alieni. Alla fine, Keane è stato ispirato a rendere la Bestia una combinazione della varietà di animali che ha studiato, sentendo che questo disegno rappresentava veramente il personaggio che aveva immaginato.

Temendo che Keane avrebbe progettato la Bestia umana per assomigliare al suo doppiatore Robby Benson , l'allora presidente della Disney Jeffrey Katzenberg non permise a Keane di vedere Benson durante la produzione del film. Tuttavia, secondo i registi, non è stato messo molto impegno nel progetto umano della Bestia. I creatori hanno affermato che, a prescindere da ciò che sembrava, sentivano che la maggior parte di coloro che guardavano il film finivano per non apprezzare il suo aspetto umano, semplicemente perché non si sentiva più il personaggio con cui gli spettatori si erano uniti durante il film.

PersonalitàModifica

«So che sembra malvagio, ma è davvero buono e gentile. Lui è mio amico.»
―Belle


Fin dalla sua prima introduzione, la Bestia appariva originariamente irritabile, egoista e capricciosa, e veniva fuori come molto ostile, persino verso i suoi servi. Eppure aveva anche una visione molto amara della sua vita, ed era pronto a sentirsi frustrato e ad attaccare quando le cose non andavano a modo suo, mostrando un lato rovinato della sua personalità. Sebbene questi lati della sua personalità sembrassero contraddittori, entrambi derivarono dalla sua educazione come principe, poiché la sua vita privilegiata lo rese egoista e sconsiderato durante la sua giovinezza, e portò anche alla sua maledizione in primo luogo quando rifiutò di offrire ospitalità agli estranei . La terribile situazione della Bestia non fece altro che esacerbare ulteriormente la sua natura di temperamento, ma introdusse un profondo senso di insicurezza e vergogna a causa di ciò che le sue azioni passate gli erano costate.

Il più grande conflitto della Bestia riguardava la sua orribile apparizione e la conservazione della sua umanità. Anche se desiderava spezzare la maledizione, la duplice natura della Bestia lo rendeva davvero incerto di non diventare mai più umano, specialmente quando molti non riuscivano nemmeno a riconoscerlo come una volta essere umano. La Bestia si vergognava dell'aspetto mostruoso di se stesso; era un ricordo di ciò che aveva fatto e di ciò che era diventato. La sua vergogna aveva una forte presa su di lui, dove spesso la prima cosa che metteva in risalto il suo temperamento era quando gli altri reagivano al suo aspetto o ai suoi istinti disumani. Questi casi hanno creato un ciclo di auto-realizzazione, in cui la Bestia ha reagito con un comportamento vizioso perché è stato visto come una creatura viziosa. Nonostante apparisse infuriato quando questo divenne un problema, fu indicato che poteva sentirsi in colpa per il suo comportamento in seguito; le sue prime interazioni con Belle lo lasciarono morente credendo che lo avrebbe visto solo come un mostro, e più tardi quando la sua collera ebbe la meglio su di lui che involontariamente spaventò via Belle, che sosteneva solo i suoi dubbi, tanto che lui la salvò la vita in seguito per compensare il suo comportamento precedente.

Sebbene la Bestia sia ostinata e priva di buone maniere, non è privo di un lato gentile; la Bestia può prendersi cura degli altri ma ha difficoltà a superare i propri difetti per esprimere empatia. Inoltre, il suo temperamento smentisce l'ingenuità della Bestia con il mondo e come mostrare i suoi sentimenti nei suoi confronti. È descritto al meglio dal suo animatore Glen Keane come "un ragazzo di ventun anni che è insicuro, che vuole essere amato, che vuole amare, ma ha questa brutta esteriorità e deve superare questo". La sua natura più morbida è stata accennata durante la sua prima apparizione, quando sembrava sinceramente pentito nei confronti di Belle dopo aver mandato via suo padre senza farle dire addio. Sebbene apparentemente distaccato, la Bestia non è completamente apatica, dato che è stato in grado di entrare in empatia con Belle e la sua stessa infelicità dalle sue esperienze passate in qualità di emarginato.

Come effetto collaterale della maledizione, era un po 'primitivo e aveva un'abitudine di comportamento animalesco, da serie regressioni sociali come il ringhio e il ruggito quando era arrabbiato con tratti arbitrari, leggermente umoristici come dimenticare le sue maniere a tavola. Questi tratti lo paragonavano anche a quello di un animale selvatico verso estranei. Secondo il produttore del film, Don Hahn, l'incantesimo della Bestia non è solo fisico ma anche psicologico. Più a lungo la Bestia è sotto l'incantesimo, più diventa feroce (nel senso che se rimane una bestia più a lungo, diventa più simile a un animale). Se Belle non fosse mai arrivata al castello, alla fine avrebbe smesso di parlare, camminando eretto, indossando vestiti del tutto, e sarebbe andato a vivere nei boschi tra gli animali selvaggi per badare a se stesso.

Il commento del film ha anche implicato durante la scena di attacco dei lupi che era un suicida, o perlomeno non ha valutato la sua vita troppo forte, a causa della disperazione di aver mai spezzato la maledizione. Questo è stato ulteriormente supportato dalla Marvel Comics in cui la Bestia, dopo aver salvato Belle e Chip dopo essere rimasti intrappolati in una tempesta di neve molto seria, ha ringraziato Belle per aver salvato la sua vita, poiché la sua presenza gli ha fatto capire che la sua vita non era "priva di significato" dopo tutto e il suo rifiuto di difendersi quando attaccato dagli abitanti del villaggio e Gaston, invece di prendere gli attacchi con uno sguardo depresso sul suo volto in attesa del colpo finale, solo contropiede quando si rese conto che Belle era tornata da lui.

Una volta che la Bestia inizia a prendersi cura di Belle dopo averla salvata da un branco di lupi, cambia da brutale e capriccioso a diventare più gradevole e gentile. Tenta persino di diventare di nuovo civilizzato per l'amor di Belle, riappropriandosi delle buone maniere a tavola e dando da mangiare agli uccelli, nonostante i suoi manierismi bestiali. A sua volta, l'accettazione di Belle nonostante l'apparenza inizia a mostrare il suo lato più positivo e diventa progressivamente altruista. Imparare a prendersi cura di Belle rivela anche un lato fieramente leale nei suoi confronti, dato che era disposto a dare qualsiasi cosa per proteggere Belle e renderla felice, anche se ciò significava sacrificare la propria felicità lasciandola abbandonare, anche prima che potesse tornare il suo amore per rompere la maledizione.

In contrasto con la sua personalità precedente, dove era di cattivo umore e facilmente irritato, verso la fine dell'incantesimo la Bestia è maturata in modo significativo. Per esempio non è turbato dalle provocazioni di Gaston sulla sua bruttezza durante il duello sul tetto del castello, con grande dispiacere di Gaston che si aspettava questi insulti per spingere la Bestia in una rissa drastica in cui Gaston avrebbe avuto il vantaggio. La Bestia invece faceva affidamento sulla pazienza e l'astuzia per ottenere l'elemento sorpresa e il sopravvento su Gaston.

Aspetto fisicoModifica

La Bestia non è una specie di animale, ma una chimera , una miscela di diversi animali. Ha la struttura della testa e le corna di un bufalo, le braccia e il corpo di un orso, le sopracciglia di un gorilla, le mascelle, i denti e la criniera di un leone, le zanne di un cinghiale e le zampe e la coda di un lupo . Assomiglia anche a mostri mitici come il Minotauro o un lupo mannaro. Ha anche gli occhi azzurri, l'unica caratteristica fisica che non cambia se è una bestia o un essere umano.

In origine, la Bestia è vista a torso nudo, con brache grigie e laceri, e una cappa di colore rossiccio e sfilacciata con una fibbia a forma circolare di colore dorato. Nonostante il colore reale del suo mantello sia un vino rosso scuro, il mantello della Bestia è più spesso indicato come viola. La ragione di questo cambiamento di colore è sconosciuta, sebbene la ragione più probabile sia dovuta al fatto che il colore viola è spesso associato alla regalità.

Dopo che la Bestia salva Belle da un branco di lupi, il suo stile di abbigliamento cambia, riflettendo una personalità più raffinata, mentre diventa più disciplinata. Il giorno in cui mostrò a Belle la biblioteca, la Bestia indossava una canottiera bianca con un mantello blu scuro e una fibbia blu. Mentre pranzava con Belle, la Bestia indossava un gilet verde con rifiniture dorate, polsini bianchi, un colletto verde chiaro e un fazzoletto bianco. Indossava anche una camicia bianca con pantaloni neri e una fascia azzurra, oltre a un mantello indaco con magenta sotto mentre alimentava gli uccelli. La forma di abbigliamento più indicata è il suo vestito da ballo, che consiste in un gilet dorato sopra una camicia bianca con un fazzoletto bianco, pantaloni neri rifiniti in oro e un cappotto di coda da sala blu scuro ornato d'oro, indossato durante la sala da ballo del film sequenza di danza. Nel climax, viene mostrato indossando una miscela di sopra, pantaloni laceri, il suo mantello rosso, così come una canottiera bianca.

La forma umana della Bestia è quella di un giovane alto e snello (sebbene non alto quanto l'altezza della Bestia). Ha i capelli ramati e la pelle morbida e color crema, pur mantenendo i suoi brillanti occhi blu. Oltre alle conseguenze immediate del recupero della sua forma umana (indossando gli abiti che indossava come Bestia in quel periodo), è sempre visto solo in una versione più "umana" del suo abbigliamento da ballo, semplicemente con un paio di stivali eleganti aggiunti .

ApparizioniModifica

La bella e la bestiaModifica

Il primo film del 1991 si apre proprio con la storia della Bestia: infatti essa era in realtà un principe che aveva un castello nei pressi del paese dove è ambientata la vicenda. Il principe era un uomo molto avaro e arrogante e, alcuni anni prima dell'inizio della storia, una fata, per mettere alla prova la sua generosità, si presentò da lui con le sembianze di una vecchia mendicante; dopo essere stata malamente respinta, la donna decide di punire il principe trasformando lui in una bestia e tutti i suoi servitori in oggetti. L'unico modo per spezzare l'incantesimo è che una fanciulla si innamori di lui. La Bestia da allora inizia a vivere isolata nel castello e molti si scordano della sua esistenza.

Quando Maurice si presenta nel castello, la Bestia lo attacca violentemente e lo rinchiude nella sua prigione finché Belle non si offre in cambio della sua libertà. Inizialmente la Bestia, pur comprendendo che Belle potrebbe spezzare l'incantesimo, tratta male la ragazza. Col tempo, però, viene colpito dai modi della giovane e inizia a comportarsi gentilmente con lei, tanto che decide di lasciarla andare a cercare il padre malato. Quando Gaston lo assale, non reagisce finché non vede che Belle è tornata da lui. Durante il combattimento con Gaston, la Bestia viene ferita a morte. È proprio in quel momento che Belle dichiara il suo amore e la Bestia si ritrasforma in principe (chiamato Adam nella versione originale), e i due possono coronare il loro sogno d'amore.

Kingdom Hearts Modifica

La Bestia appare anche nei videogiochi della serie Kingdom Hearts.

Kingdom HeartsModifica

Belle è una delle sette principesse del cuore, catturata dagli Heartless per ordine di Malefica che la tiene prigioniera insieme alle altre nella sala della serratura. La Bestia cerca di riprendersi Belle con la forza ma Riku lo ferisce, ma ciò non lo ferma e si unisce a Sora. Dopo vari combattimenti, il prescelto del Keyblade in compagnia di Paperino e Pippo aiuta la Bestia a trovare Belle che dopo essersi ripresa va in una libreria del castello e comincia leggere i vari libri che può offrire, cercando delle risposte su come fermare l'oscurità, senza trovarne.

Kingdom Hearts: Chain of MemoriesModifica

La Bestia e Belle compaiono anche durante la visita di Sora al castello dell'Oblio. La bella principessa viene rapita da Malefica e ciò scatena l'ira della bestia. In realtà si tratta di un'immagine dei ricordi legata agli avvenimenti del primo capitolo (Kingdom Hearts), utilizzata dall'Organizzazione XIII per ostacolare Sora.

Kingdom Hearts 2Modifica

Nella prima visita, all'arrivo al castello della Bestia, Sora, Paperino e Pippo sentono dei ruggiti e capiscono di essere nella casa della Bestia. Trovano Belle che spiega ai nostri eroi che la Bestia si comporta in modo strano. Su richiesta di Belle cercano i servitori del castello che sono richiusi nelle segrete e dopo essersi presentati vengono aiutati da quest'ultimi che riescono a far giungere il trio nella stanza della bestia tramite un passaggio segreto. La Bestia si comportava in modo strano per colpa di Xaldin che alimentava la sua rabbia. Il membro dell'Organizzazione XIII fugge all'arrivo del trio, che affronta immediatamente la Bestia e con l'aiuto di Tockins riesce a fa tornare in se la bestia, che appena si riprende vuole scusarsi con Belle. Durante la ricerca di Belle, si sentono delle urla nella sala da ballo. La ragazza riesce a fuggire e il trio con l'aiuto della Bestia sconfigge Heartless (Cacciatore oscuro - Spina oscura). Nella seconda visita, durante i preparativi della romantica serata (come avviene nel film), il trio ritorna a fare visita alla Bestia e agli altri. La serata viene rovinata da Xaldin che durante il ballo ordina ai Nessuno (Nobodies) di attaccare la Bestia. Il gruppo di eroi ha la meglio su i Nessuno, che sono un semplice diversivo per permettere a Xaldin di rubare la preziosa rosa alla Bestia. La Bestia comprende il tranello e si reca immediatamente nella sua stanza, non tardano ad arrivare ne Sora, Paperino e Pippo né Belle. Accecato dalla rabbia, la Bestia caccia dal suo castello il trio e Belle, ma Sora riesce a farlo ragionare e a convincerlo a riprendersi la sua Rosa. Xaldin fugge nel giardino e scompare all'arrivo del gruppo di eroi, cattura Belle nella sua stanza e con un balzo la porta all'entrata del castello. All'arrivo del trio e della Bestia, Belle riesce a fuggire da Xaldin portando con sé la rosa. Xaldin attacca il gruppo di eroi che lo sconfigge definitivamente. Tutti insieme festeggiano nel giardino del castello e Lumière e Mrs Bric comincano al trio che prima o poi l'incantesimo si sarebbe spezzato.... cosa che si verifica solo durante i titoli di coda del gioco.

Kingdom Hearts 358/2 DaysModifica

In questo gioco la Bestia combatte gli Heartless del castello, e ha problemi con Belle anche da prima dell'intervento di Xaldin, poiché non vuole che la ragazza rischi di essere attaccata dagli Heartless, e questo li fa litigare. Dopo che i due si riconciliano Xaldin si fa vedere dalla Bestia ed inizia a convincerlo che Belle vuole portargli via tutto, causando nuovi problemi tra i due.

Galleria Modifica

Per approfondire, vedi la voce Bestia/Gallery.