FANDOM


«Non capisco come un mondo che crea delle cose tanto meravigliose... possa essere cattivo.»
―Ariel[fonte]

La principessa Ariel è la protagonista principale della saga de La sirenetta.

Fa parte del franchise Disney Princess.

PersonaggioModifica

SviluppoModifica

Walt Disney stesso e l'artista Kay Kielsen iniziarono a lavorare sulla storia de La sirenetta negli anni '30 e nei primi anni '40. Il progetto consisteva in un fedele adattamento della storia di Hans Christian Andersen con la sirena protagonista che moriva trasformandosi in spuma marina alla fine. Tuttavia, dopo aver steso lo script e illustrato lo storyboard il progetto fu accantonato per concentrarsi su altri film attualmente in produzione come Dumbo, Bambi e Fantasia. Diverse fonti, però, indicano che Walt Disney aveva comunque intenzione di inserire il lieto fine.

Negli anni '80 il progetto fu finalmente ripreso, ma si decise di scartare gli aspetti oscuri e cupi della storia di Andersen e rendere il film più piacevole per i bambini dandogli un finale più allegro. Il team di sviluppo, comunque, affermò che i cambiamenti erano gli stessi proposti da Walt Disney durante il suo lavoro al film. Durante lo sviluppo, lo studio diede ufficialmente alla sirenetta il nome "acquatico" "Ariel".

DesignModifica

Il design originale di Ariel fu sviluppato dall'animatore Glen Keane, che affermò di averla basata su sua moglie stessa. Il suo aspetto fu basato anche sulla modella Sherri Stoner, che fornì il riferimento in live-action per gli animatori (la stessa modella ispirò anche l'aspetto di Belle). La sfida principale nell'animazione di Ariel fu creare diverse texture di colore per le diverse scene, in modo da far combaciare il suo aspetto con le luci e le ombreggiature della scena in cui appariva. La tonalità di colore della sua pinna fu creata appositamente per l'occasione e chiamata "Ariel" in suo onore.

VoceModifica

Jodi Benson, che lavorava principalmente come attrice teatrale, fu scelta per dare voce ad Ariel poiché i direttori volevano che fosse la stessa persona a doppiare sia la parte parlata che quella cantata. Il co-direttore Ron Clements ribadì che la sua voce dava un senso unico di giovinezza e dolcezza. Durante la registrazione del tema di Ariel La sirenetta, la Benson accolse il consiglio di Howard Ashman di spegnere le luci per ricreare un'atmosfera particolare, come se si trovasse sul fondo del mare. Inoltre, fu incoraggiata a rendere la canzone quasi parlata, così che arrivasse più facilmente al pubblico.

La doppiatrice Melissa Fahn fece il provino per il ruolo e fu chiamata molte volte, ma non fu scelta poiché la sua voce suonò troppo giovanile.

ApparizioniModifica

La sirenettaModifica

Nel film La sirenetta si scopre la principessa Ariel, la più giovane delle sette figlie di Re Tritone e recalcitrante a seguire le regole del padre. Ha una grande passione per il mondo degli umani, derivante dal suo segreto sogno di una vita sopra il mare, e un giorno, contravvenendo agli ordini di suo padre, si reca in superficie e salva un giovane ragazzo dal naufragio della nave su cui stava celebrando il suo compleanno. Il giovane, che è un principe di nome Eric, si innamora della sua salvatrice ma ne ricorda solo la voce melodiosa. Anche Ariel è innamorata del suo uomo, e per questo viene convinta da Ursula a scambiare la sua voce per un paio di gambe. Se entro tre giorni Ariel riuscisse a farsi baciare da Eric diverrebbe umana per sempre, Se invece non ci fosse riuscita sarebbe stata sua prigioniera. Ariel firma il contratto e si trova sulla spiaggia. Eric la vede, ma essendo completamente muta non riconosce la sua salvatrice, nonostante ciò l'accoglie a palazzo.

Nei primi due giorni i giovani stringono una bella amicizia, ma il bacio non arriva. Ursula, spaventata dal fatto che potrebbe perdere il controllo su Ariel se diventasse umana, si trasforma in una giovane e affascinante ragazza di nome Vanessa, e con la voce di Ariel ipnotizza il principe Eric che organizza immediate nozze. Aiutata dagli amici del mare, Ariel riesce a fermare il matrimonio e recuperare la voce, ma il sole tramonta sul terzo giorno e la ragazza ritorna sirena. Ormai intrappolata da Ursula dal contratto che ha firmato, Ariel viene salvata da Tritone che firma al suo posto, divenendo un'anima perduta. Ursula è la regina di Atlantica e tenta di uccidere Ariel ed Eric col tridente di Tritone prendendo immense fattezze. Mentre è impegnata ad uccidere Ariel, Eric trapassa la strega con il bompresso della nave, e Ursula muore, sciogliendo i contratti che tenevano imprigionate le anime di Tritone e di altre creature del mare. Tritone torna a regnare sui mari, e dona alla figlia un paio di gambe, così da poter coronare il suo sogno d'amore con il principe Eric. I due si sposano in nave e tutto il popolo del mare assiste al loro matrimonio.

La sirenetta II: Ritorno agli abissiModifica

Ariel ha avuto da Eric una figlia, Melody, e durante una cerimonia in nave viene presentata al nonno Tritone e al popolo del mare. Il re regala alla sua nipotina una conchiglia che evoca un'immagine del palazzo reale di Atlantica. Ma durante i festeggiamenti la svitata sorella di Ursula, la strega Morgana, fa il suo ingresso per vendicare la sorella uccisa. Inizialmente riesce a prendere la bambina, ma grazie ad Eric e a Tritone viene respinta, il suo squalo Undertow rimpicciolito, e sta per essere catturata, ma riesce a fuggire giurando che si vendicherà sulla piccola Melody. Il re comanda ai suoi tritoni di cercare la strega, nel frattempo Ariel comunica al padre che finché Morgana è libera, la piccola Melody non si avvicinerà al mare: intorno al palazzo di Eric vengono fatte erigere possenti mura che ostacolano l'accesso al mare e il regalo di Tritone viene restituito al mittente. La storia riprende dodici anni dopo, quando sono in atto i preparativi per il compleanno della piccola, ma la bambina nuota in mare con Sebastian e Scuttle, contravvenendo agli ordini della madre, con cui lei non riesce a parlare poiché lei sembra non capire la sua passione per il mare. Durante questa nuotata trova la conchiglia che le aveva regalato suo nonno, e chiede spiegazioni alla madre, ma lei non le risponde. Offesa rema in mare aperto e offre a Morgana l'occasione che a lungo aspettava.

Mentre Melody si fa trasformare da Morgana in sirena e viene inviata dalla strega ad Atlantica per portarle il tridente di Tritone, Ariel, spaventata dalla sparizione della figlia, si fa trasformare dal padre di nuovo in sirena per cercare la figlia scomparsa. Le due si incontrano poco prima che Melody consegni il tridente a Morgana: Ariel tenta di convincere la figlia dell'errore che sta facendo, ma la bambina, delusa per le bugie che la madre ha raccontato, fa quello che la strega le aveva chiesto e le consegna il tridente. Morgana imprigiona Melody in una grotta di ghiaccio. Quando tutto sembra perduto Melody, tornata umana, le strappa il tridente riconsegnandolo al nonno. Morgana viene intrappolata in un blocco di ghiaccio, e la muraglia tra terra e mare è finalmente abbattuta.

La sirenetta - Quando tutto ebbe inizioModifica

Ariel e le sue sei sorelle vivono felici e spensierate con il padre re Tritone e la madre, la regina Athena. Durante una spensierata giornata in superficie, una nave di pirati urta gli scogli dove si trovavano i mariti, e la regina, rimasta indietro per recuperare un carillon che le aveva regalato il marito poco prima, rimane uccisa. Colpito profondamente da questo lutto il re vieta in tutto il suo regno la musica e il canto in ogni sua forma e si chiude in un burbero atteggiamento, allontanandosi dalle sue stesse figlie, la cui cura viene affidata alla tata Marina del Rey. Dieci anni dopo le principesse sono cresciute e Ariel soffre molto dell'isolamento in cui vive il padre. Molto disubbidiente, Ariel una sera scopre, grazie al nuovo amico Flounder, un club segreto in cui si cantava e suonava, diretto dallo stesso segretario del re, Sebastian. Eccitata dalla scoperta, riesce a coinvolgere le stesse sorelle, dato che tutte loro hanno ereditato dalla madre la passione per i balli e il canto. Una sera, Marina del Rey segue le principesse e, scoperto il loro segreto, riferisce tutto al re sperando di ottenere il posto di segretario che apparteneva a Sebastian. Il re infuriato imprigiona il granchio, Flounder e la band e Marina ottiene l'incarico tanto agognato. Di nuovo senza musica, Ariel decide di fare evadere i prigionieri e lasciare con loro il triste palazzo di Atlantica. Durante la marcia degli evasi in un deserto marino, Ariel trova il carillon della madre, e vuole portarlo al padre per provare a farlo ragionare. Marina, accompagnata dai suoi scagnozzi, tenta di fermare la principessa, che rischia di essere uccisa. Tritone riesce a fermare la sua segretaria, mettendola in prigione, e, riconciliatosi con la figlia, fa ritornare di nuovo la musica ad Atlantica.

Kingdom HeartsModifica

Nella serie Kingdom Hearts Ariel vive nel mondo di Atlantica, dove Ursula sta usando gli Heartless per sconfiggere Re Tritone. Come nel film, è determinata a esplorare il mondo al di sopra delle acque e disobbedisce spesso a suo padre. Incontra Sora, Paperino e Pippo (rispettivamente nelle forme di delfino, polipo e tartaruga marina), e in questo mondo può fare parte del party e combattere al loro fianco. Il suo desiderio di vedere altri mondi verrà sfruttato da Ursula per impadronirsi del Tridente, ma infine la strega sarà sconfitta. In Kingdom Hearts: Chain of Memories Ariel e il mondo di Atlantica sono solo una proiezione dei ricordi di Sora. Questa volta Ursula rapisce Flounder e, facendo credere ad Ariel che sia stato catturato dagli umani, le chiede il Tridente per liberarlo. Ariel realizza l'errore solo dopo aver obbedito, e solo con l'aiuto di Sora, Ursula è sconfitta. In Kingdom Hearts II la trama del mondo di Atlantica rispecchia quella del film. La storia comincia quando una notte di luna piena Ariel mentre nuotava in superficie vede un giovane umano (che altri non è che Eric) aggrappato ad un pezzo di legno. Senza pensaci due volte Ariel nuota in soccorso di Eric e lo porta su una spiaggia li vicino dove proprio come nel film Disney si mette a cantare per lui ma quando vede che Eric si sta svegliando Ariel se ne va perché non può farsi vedere dagli umani.

House of Mouse - Il TopoclubModifica

C'era una voltaModifica

GalleriaModifica

Per approfondire, vedi la voce Ariel/Gallery.

Curiosità Modifica

  • In ebraico, il nome di Ariel significa letteralmente "leone di Dio".

Voci correlateModifica

v - m - d
Disney Princess 2014 Logo (1)
Principesse
Principesse Disney ufficiali: BiancaneveCenerentolaAuroraArielBelleJasminePocahontasMulanTianaRapunzelMerida

Altre principesse: Lady MarianLeia OrganaAilinFiglie di Re TritoneKiaraMelodyKida NedakhTing-Ting, Su e MeiGiselleKilala RenoAttaDotKairiCharlotte La BouffVanellope von SchweetzSofiaElenaAnnaElsa
Altre protagoniste femminili: MinniPaperinaFalineAliceWendy DarlingTrilliSallyNalaEsmeraldaMegaraJane PorterMadellaineShantiNitaVaiana